La rara e pericolosa fioritura della canna di bambù

Sapevate che la canna di bambù muore dopo aver fiorito? Ebbene si, approfondiamo l’argomento.

Il bambù è una graminacea e appartiene alla sottofamiglia delle bambudoideae. Questa pianta è una sempreverde ed è perenne, un caso raro per le graminacee.. Sapevate che è una pianta assolutamente ecosostenibile? Difatti il bambù ha un ciclo di crescita rapidissimo, circa di 5 anni, ed è spontaneo, non vi sono coltivazioni intensive poiché è autonomo e abbondante. Si parla tutti i giorni di ciò che può far bene all’ambiente e questa sempreverde è una pianta benefica per l’ecosistema.. o addirittura un oro verde.

Il bambù ha una grande capacità di assorbire l’anidride carbonica e di fabbricare ossigeno ma oltre a questo, trasforma alcuni inquinanti del sottosuolo in biomassa ( materiale organico che può essere utilizzato come fonte di energia rinnovabile). Insomma un vero ORO per il nostro ambiente ormai minacciato dal disboscamento.

Vi è però un avvenimento mondiale che non è ancora chiaro: la sua fioritura.

Il bambù fiorisce circa ogni 60-100 anni ma la cosa strabiliante non è questa! Non fiorisce come il resto delle piante, il bambù di tutto il mondo fiorisce insieme e muore insieme.. che esse siano piante giovani o piante “adulte”, non importa. Fiorendo, fanno cadere i semi che producono le nuove piantine e ricomincia così il ciclo vitale.

Questa pianta è anche cibo per i nostri amatissimi panda, non dimentichiamolo.

L’ultima fioritura si è avuta nel 1959 e la conseguenza fu una grande carestia in India che porta il nome di mautam. La prossima fioritura si attende nel 2090.

È una pianta che si adatta bene a diverse condizioni climatiche, dal clima caldo al clima freddo, ha bisogno di poca acqua a differenza di altre piantagioni e può bastargli solo l’acqua piovana. Fattibile è l’idea di creare un bellissimo bambuseto che vi può essere redditizio ma soprattutto ecologico.

☘️

12 pensieri su “La rara e pericolosa fioritura della canna di bambù

  1. Interessantissimo! Nessuno ne parla, eppure non si fa che predicare a favore dell’ambiente e non da oggi, da decenni…
    Questo è un blog molto coinvolgente, sarò lieto di seguirlo.

    NOTA:Colgo l’occasione per ringraziare per il cortese follow ai miei blog.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...